“Intonaci, tessere e marmi antichi alla mercé dei climbers”: il consigliere regionale Pernarella ora chiede spiegazioni all’amministrazione

Oggi c’è stato un evento di arrampicata urbana su Terracina alta che ha scatenato polemiche furiose sui social. Le scalate sarebbero avvenute anche su palazzi storici della città sottoposti a severe tutele.

 

Interviene anche il consigliere regionale Pernarella.

 

Pernarella: “Patrimonio ad uso ed abuso di alcuni”

Gaia Pernarella: 
È stato intaccato un reticolato romano, ho visto con i miei occhi persone raschiare la Malta di collegamento tra i lastroni dell’arcata di palazzo Venditti per aumentare lo spazio in cui infilare le dita.
Ma di cosa vogliamo parlare di eventi sportivi? Ho visto orde di persone arrampicare ovunque si ipotizzasse di farcela. Le vie non erano concordate ne stabilite in accordo con nessun ente competente.
Oltre l’ignoranza, aggiungerei anche l’incompetenza di chi organizzando male queste cose danneggia professionisti e patrimonio”

“Concesse pareti della nostra Cattedrale”

Terracina dimenticata: “Purtroppo sono state concesse anche delle pareti di 2000 anni, appartenenti alla nostra Cattedrale, che hanno subito dei danneggiamenti”.

 “Ho visto opus reticolatum staccato dai muri di 2.000 anni”

Stefano Del Monte:  “Oggi ho visto opus reticolatum staccato da muri di 2000 anni del tempio pagano, su cui fu costruita la Cattedrale. Avevano fatto di peggio solo i bombardamenti”.

“Cosa accadrebbe se scalassero il Colosseo?”

 Paola: “Cioè fanno arrampicata sulle mura storiche?????? Allora domani andiamo a farle al Colosseo ..”

“Qualcuno fermi questo scempio!”

Paolo Alberto Giannetti: Qualcuno spieghi a questa gente che se va via un pezzo di opus reticolato col tempo vanno via tutti quelli adiacenti. Che qualcuno li fermi. Sul mio profilo é visibile il video mentre si inerpicano sulla cinta muraria.

Ecco alcune delle foto postate da alcuni cittadini sui social:

Precedente "Terracina non deve essere la città dello sballo!": il racconto dei residenti sui social della città Successivo Terracina e il patrimonio calpestato. Longo: "Volevano scalare la Cattedrale! Basta a ciarlatani e mitomani!"

Un commento su ““Intonaci, tessere e marmi antichi alla mercé dei climbers”: il consigliere regionale Pernarella ora chiede spiegazioni all’amministrazione

  1. Antonio il said:

    Eppure non mi sembra che nessuno di voi si sia mai scagliato contro una veranda abusiva sorta a ridosso delle mura bizantine, una soprelevazione in calcestruzzo, una intonacatura selvaggia di un bugnato, lo storpiamento di un ordine architettonico, un furto di qualche pezzo antico diventato parte di un caminetto all’interno di una bella villa vista mare…qual mare che i turisti, quelli buoni, di certo non contribuiscono a sporcare sia chiaro. Spero che da domani in avanti, tutti voi continuino questa strenua lotta anche quando si tratta di cose davvero serie, e non solo di qualche pietra staccata.

I commenti sono chiusi.