“Abbiamo trovato 29 rifiuti ogni 100 metri quadrati sulla spiaggia di Terracina”. Ecco l’indagine di Legambiente Pisco Montano

Ecco i risultati ufficiali dell’indagine “Beach Litter 2018”

Il Circolo Legambiente di Terracina “Pisco Montano”, durante la conferenza tenutasi sabato 26 presso l’Istituto A. Bianchini, ha presentato a cura del Vice Presidente del Circolo e Responsabile Scientifico Ing. Gabriele Subiaco, coadiuvato dai ragazzi del IIIB dell’indirizzo chimico dell’ITS A. Bianchini, membro della rete territoriale Plastic Free Beaches Terracina,  i risultati ufficiali dell’indagine “Beach Litter 2018” sui rifiuti spiaggiati effettuata lo scorso 12 Aprile sulla spiaggia di Levante di Terracina.

Terracina, con la Spiaggia di Levante (spiaggia campione), entra quindi per la terza  volta, nell’indagine “Beach Litter 2018” come uno dei 4 siti del Lazio sottoposto a classificazione e monitoraggio.

Volontari di Legambiente

Indagine su un’area di 5000 metri quadri sempre presso la Spiaggia di Levante

A Terracina quest’anno, l’indagine è stata effettuata lo scorso 12 Aprile su un’area di 5000 metri quadri sempre presso la Spiaggia di Levante dai volontari del Circolo Legambiente, coadiuvati dai ragazzi del IIIB dell’indirizzo chimico dell’ITS A. Bianchini. Sono stati raccolti e classificati ben 1457 rifiuti con una media di 29 rifiuti ogni 100 metri quadri in linea con la media del 2017 sempre sulla stessa spiaggia (28 rifiuti ogni 100 metri quadri) e con la densità media nazionale che è di 28,46 rifiuti ogni 100 metri quadri. Di questi rifiuti 589 sono ascrivibili a cattiva gestione dei rifiuti urbani, 106 a mancata depurazione e 29 ad attività produttive come pesca e acquacoltura, mentre per il restante la fonte non è facilmente individuabile.

I dati del monitoraggio rispetto all’anno scorso: meno mozziconi e cotton fioc

Emergono due importanti dati di confronto con i dati dell’anno scorso: la rilevante diminuzione dei mozziconi di sigarette (circa il 30% in meno rispetto al 2017) e la notevole diminuzione dei cotton fioc (circa il 70% in meno rispetto al 2017) e questo anche grazie alle campagne estive di Legambiente e alla campagna lanciata proprio a Terracina l’anno scorso #norifiutinelwc e grazie all’impegno di Acqualatina Spa nell’adeguare i filtri della depurazione.

 

 

 

 

Precedente "Caro concittadino, non ti vergogni?". Lettera aperta contro l'abbandono dei rifiuti a Terracina Successivo Terracina, "Questa non è la città che vogliamo!": abuso di alcol tra i giovani, inquinamento acustico e smog